Paturnie : – pa-tùr-nie → MALUMORE associato a SORDA o STIZZOSA IRRITAZIONE

Sono una donna che lavora fuori casa. Poi sono diventata mamma. Alla fine mi sono trovata ad essere una mamma lavoratrice e a volte sono tanto arrabbiata da far paura ! Ecco, parliamo delle giornate andate così storte al lavoro da far fatica a smaltirne le conseguenze, quelle giornate in cui porti letteralmente il lavoro a casa. Non quello da finire: quello ti aspetta là il giorno dopo. Ma la mente che non riesce a staccare dove la mettiamo ??!

picture by Joblogs

SI LO AMMETTO ! Troppo spesso sento che la vita mi sta sfuggendo di mano, sento che il tempo scorre troppo velocemente . E la sera, quando torno a casa, a volte sono così stanca che mi prende lo sconforto.

Dovrei dedicarmi completamente ai miei figli, ascoltare come è andata la loro giornata ascoltare davvero come è andata la loro giornata o giocare a quel gioco nuovo che ci piace tanto. Ma occorre mettere insieme una cena decente : anche se per farlo avrei dovuto mettere prima le bistecche a scongelare o aver comprato del pane fresco.

se ai tuoi figli puoi fare solo un regalo, fa in modo che sia l’entusiasmo -Bruce Barton-

E invece non ho fatto niente di tutto questo. E la casa è un casino e la lavatrice ancora da stendere – ammesso che sia davvero partita come previsto –

E allora NON TI PUOI RILASSARE. MAI. La tua vita è un incastro di Tetris e se sbagli una mossa il giorno dopo ne pagherai le conseguenze per forza. GAME OVER.

La storia sembra non finire mai e ripetersi come un motivetto in loop.

E il fine settimana scorre via con la casa da pulire e sistemare PER DAVVERO; anche io che sono una super fanatica dell’ordine e dell’organizzazione mi ritrovo con un accumulo pazzesco.

E il pensiero è per tutto quello che non vivo o quello che mi perdo perché quel permesso non me lo posso proprio perdere. E i racconti degli altri non sono la stessa cosa ….Per quel sorriso fuori da scuola, o quel pomeriggio tutto da inventare coscienti che nessun orologio scandirà il tempo insieme. Per quelle manine da NON lasciare quando stai poco bene. 

Sogno un paese a misura di mamma, anche di quella che lavora fuori casa. Con orari più umani e un’organizzazione flessibile intorno che sia un aiuto e non un ostacolo. 

Sogno un mondo in cui non serva alcun incastro per trovare il corso di nuoto dove posso accompagnarti: e recuperarti stanco morto perché è davvero troppo tardi e tu sei affamato. E indovinate un po’ chi ancora non ha pensato alla cena ?!!

Ditemi … capita anche a voi ?!

non è possibile essere una madre perfetta, ma ci sono milioni di modi per essere una buona madre  -Jill Churchill- 
Condividi

Commenta